Le vie di esposizione agli agenti contaminanti

Continuiamo la nostra lettura dello studio che ilsindacato dei vigili del fuoco inglese ha
commissionato da un team di ricerca guidato dalla professoressa Anna Stec del
University of Central Lancashire (UCLan) dal titolo

“Ridurre al minimo l’esposizione dei vigili del fuoco a sostanze tossiche
effluenti del fuoco”

I regolamenti chimici e edilizi sono progettati per garantire che l’esposizione ai materiali all’interno di
gli edifici residenziali, commerciali e industriali sono sicuri. Tuttavia, attualmente non ci sono
requisiti per considerare come la sicurezza di tali materiali potrebbe cambiare in caso di incendio –
cioè non ci sono requisiti per misurare e quantificare gli effluenti tossici dell’incendio prodotti da
materiali in fiamme. Non ci sono restrizioni all’uso di prodotti in grado di emettere letali
quantità di effluenti tossici durante un incendio. Rispetto ai materiali naturali (legno, lana, cotone,
pelle, ecc.), i polimeri sintetici ampiamente utilizzati (derivati ​​dal petrolio) bruciano più rapidamente, hanno più velocemente
propagazione della fiamma, generano più calore e producono non solo un numero maggiore di gas pericolosi e
particolato, ma anche concentrazioni molto più elevate di sostanze chimiche tossiche. I vigili del fuoco sono quindi a
un aumento del rischio di esposizione a effluenti tossici dell’incendio e, di conseguenza, un aumento del rischio di
subire esiti negativi per la salute.
L’esposizione dei vigili del fuoco agli effluenti tossici dell’incendio dipenderà da:
• Scenario di incendio (condizioni di incendio)
• Combustibile (materiali coinvolti nell’incendio)
• Tossici specifici rilasciati durante e dopo l’incendio
• Contaminazione da detriti/residui di incendio
• Tipo, frequenza e durata degli incendi presidiati
• Le tattiche impiegate nell’incidente
• Il mezzo estinguente utilizzato
• Uso di dispositivi di protezione individuale
• Strutture e pratiche igieniche
• Tempo tra la contaminazione e l’uso di strutture e pratiche igieniche
Contaminanti, tossicità e vie di esposizione
Gli incendi producono un cocktail di sostanze chimiche tossiche, irritanti e cancerogene, la cui composizione
varia a seconda dei materiali specifici che bruciano e delle condizioni di incendio. Possono essere rilasciati
sotto forma di particolato che includerà aerosol, polveri, fibre, fumo e fumi o gas
e vapori. (Duffus & Worth, 2006)
Alcuni di questi effluenti dell’incendio (ad es. monossido di carbonio, acido cianidrico e gas acidi) hanno
effetti negativi immediati sulla salute dopo una sola o breve esposizione (es. asfissia). Questo
è nota come tossicità acuta.
Tuttavia, la maggior parte degli altri effluenti dell’incendio (ad es. composti organici volatili o policiclici aromatici)
idrocarburi) hanno effetti negativi sulla salute molto più a lungo termine, causando condizioni che sono
più complesso e può svilupparsi più lentamente, ad esempio cancro, malattie cardiovascolari (correlate al sistema circolatorio
sistema nervoso che comprende il cuore e i vasi sanguigni) e neurologico (sistema nervoso)
malattie. Questo è noto come tossicità cronica. Esposizione ripetuta anche a quantità molto piccole di
le sostanze tossiche croniche nel tempo aumentano la probabilità di sviluppare condizioni di salute a lungo termine.
Il danno alla salute dipende dalla tossicità del contaminante, ma anche da
le vie di esposizione attraverso le quali un individuo è esposto al contaminante,
e la dose (quantità) del contaminante a cui un individuo è esposto
(Duffus & Worth 2006)
Le sostanze tossiche acute e croniche possono poi essere ulteriormente classificate secondo le specifiche tipologie di
effetti negativi che hanno sulla salute. A queste classificazioni si fa riferimento in questa guida,
e includono:
• Cancerogeni; sostanze che causano il cancro (es. benzene, IPA
eccetera.).
• Teratogeni; sostanze che possono danneggiare il feto in caso di esposizione
durante la gravidanza (es. composti di piombo, ossido di etilene, formammide ecc.).
• Sensibilizzanti; sostanze che provocano un’ipersensibilità di tipo allergico
reazione (es. della pelle o dei polmoni) (es. cromo, formaldeide, isocianati
eccetera.).
• Irritanti; sostanze che reagiscono a contatto con l’umidità sopra/all’interno del
corpo e provocare una risposta infiammatoria (es. acido cloridrico,
acido bromidrico, anidride solforosa, ossidi di azoto, ecc.).
(Ehi et al., 2016)
È stato dimostrato che combinazioni di sostanze chimiche diverse che non sono particolarmente
nocivi individualmente possono dar luogo a effetti pericolosi del tutto nuovi. Inoltre, il
gli effetti delle sostanze tossiche croniche possono essere cumulativi e possono rimanere latenti per lungo tempo
prima che sorgano sintomi o siano misurabili. (Ehi et al., 2016)
I vigili del fuoco possono essere esposti a contaminanti tossici attraverso molteplici vie di esposizione:
Inalazione. Molti gas, vapori, nebbie, polveri e fibre rilasciati durante
gli incendi possono essere inalati attraverso i polmoni. La quantità di contaminante inalato
da una persona è direttamente collegato al volume di aria inspirata ed espirata, che
aumenta con lo sforzo fisico. La normale frequenza respiratoria a riposo è 12-20
respiri al minuto (circa 7-14 litri d’aria). Tuttavia, in condizioni estreme
stress, i vigili del fuoco con normale capacità polmonare possono metabolizzare fino a 100 litri
di aria al minuto (Agenzia svedese per le emergenze civili, 2015).
L’assorbimento cutaneo si verifica quando una sostanza tossica entra in contatto con un
la pelle dell’individuo. Sono tante le situazioni in cui arriva la pelle dei vigili del fuoco
a contatto con sostanze nocive, ad es. per contatto diretto con fuliggine
(toccare la pelle con le mani contaminate o con guanti che sono stati in
contatto con detriti di fuoco) o quando un’area della pelle è esposta in un fumoso
ambiente. L’assorbimento delle sostanze tossiche attraverso la pelle varia a seconda del
tempo di esposizione, la quantità e il tipo di sostanza, l’ubicazione e la superficie
zona della pelle. Le esigenze fisiche della lotta antincendio (indossare la respirazione
apparecchi, l’esecuzione di soccorsi, attività post incendio, ecc.) e l’alta
le temperature in cui operano i vigili del fuoco aumentano il flusso sanguigno, la sudorazione
velocità e temperatura corporea. Insieme al ridotto contenuto di acqua del corpo,
questo porta ad un maggiore assorbimento cutaneo degli effluenti dell’incendio.
L’ingestione (attraverso il tratto gastrointestinale) si verifica quando una sostanza tossica è
ingoiato. L’esposizione a contaminanti per ingestione può verificarsi quando il cibo o
la bevanda è contaminata dagli effluenti dell’incendio, ad esempio se si mangia/beve con sporco
mani. Inoltre, quando i gas di incendio o le particelle sono entrati nella parte superiore
vie respiratorie per inalazione, possono essere veicolati tramite muco e saliva
nel sistema digestivo e assorbito nel corpo.
 

0 Comments

Leave a Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register

fb_like3

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO. METTI UN MI PIACE!

DIVENTA FAN DE ILPOMPIERE.IT SU FACEBOOK

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: